• 2

ID proprietà : 1046

Vendita 350.000,00€ - Villa Bifamiliare
150 3 Camere da letto 3 Bagni 1 Garage
 
 Aggiungi ai Preferiti
Stampa

Splendida villa bifamiliare di prossima costruzione a Zogno

Villa bifamiliare di prossima costruzione a Zogno di mq 150.
Classe energetica “A”, in zona residenziale in espansione, soleggiata immersa nel verde ma a due passi dal centro.
Possibilità di personalizzazione del progetto e scelta finiture.
L’unità abitativa è costituita da doppio salone, cucina abitabile, tre camere, tre bagni, lavanderia, taverna e due balconi.
Cantina e box doppio, possibilità di posto auto.
Giardino.
La richiesta è di euro 350.000

Alcune informazioni su Zogno

Zogno è un comune italiano di 8.883 abitanti della provincia di Bergamo in Lombardia. Il comune si trova nella bassa Valle Brembana su un declivio tra il versante orientale del Monte Zucco (1232 m s.l.m.) e un’ansa del fiume Brembo a circa 11 chilometri a nord-ovest del capoluogo orobico. Il comune fa parte della Comunità Montana della Valle Brembana.
Dista circa 18 chilometri da Bergamo e circa 70 chilometri da Milano.
Situato nella porzione inferiore della Valle Brembana non lontano da San Pellegrino Terme (4 km). Il capoluogo si estende lungo la strada di fondovalle, sulla sponda orografica destra del fiume Brembo, mentre gli altri centri abitati sono dislocati prevalentemente sulla sponda sinistra.

Monumenti e luoghi d’interesse:
Chiesa parrocchiale di San Lorenzo
In posizione dominante sorge la quattrocentesca chiesa di San Lorenzo, sorta sulle rovine del medievale castello di parte guelfa, distrutto dai Visconti prima di consegnarlo alla Repubblica di Venezia, dopo la pace di Lodi.
L’interno custodisce la serie seicentesca dei Misteri del Rosario di Francesco Zucco, una Madonna col Bambino di Francesco Lavagna ed un dipinto di Vincenzo Angelo Orelli raffigurante Santa Margherita da Cortona.
Museo della Valle
Il Museo della Valle, situato in un edificio seicentesco del centro storico, espone in dodici sale una ricca serie di reperti sulla società agricola e contadina della valle.
Museo di San Lorenzo
È da ricordare inoltre il Museo di San Lorenzo, allestito presso la chiesa parrocchiale, che raccoglie testimonianze di carattere religioso della Valle Brembana.
Villa Belotti
La villa zognese, che dal 1985 ospita la Biblioteca Comunale “Bortolo Belotti”, venne realizzata nel 1906 per il notaio Ulisse Cacciamali dall’architetto bergamasco Giovanni Barboglio, autore a Zogno anche di edifici pubblici e della vecchia scalinata alla parrocchiale, ma più famoso in Lombardia per la costruzione o il restauro di chiese.
Nel 1913 la acquistò Bortolo Belotti, interessato ad avere un punto d’appoggio per affrontare l’impegnativa campagna elettorale per il seggio parlamentare che lo vedeva contrapposto al deputato uscente Egildo Carugati, appoggiato dai liberali di Giovanni Giolitti e dai cattolici. Su richiesta del Belotti, il Barboglio trasformò l’abitazione da civile in signorile, con il recupero del seminterrato e la costruzione di uno studio esterno e di un portichetto. Contemporaneamente, l’ampio prato a sud dell’abitazione veniva trasformato in giardino con alberi pregiati, vialetti e gradinate. La cura della villa e del giardino accompagnò il successo politico di Bortolo Belotti che, da giovanissimo deputato, divenne sottosegretario, ministro e leader della sinistra liberale. L’opposizione al fascismo ne determinò l’allontanamento dalla politica attiva e, quasi come compensazione, Belotti iniziò ad intervenire sul giardino e ad arricchirlo di opere d’arte particolarmente significative. Gli interventi si susseguirono in tre fasi principali. Particolarmente ricca è la prima fase (1928-29) con l’ideazione del Convito dei Grandi Brembani, 11 busti di uomini di grande fama di famiglia originaria della Val Brembana, eseguiti dallo scultore bergamasco Nino Galizzi. Il secondo periodo (1931-33) è contrassegnato dall’edificazione dell’edicola della Madonna, dalle statue dei leoni e del busto del gioppino. Poche, ma sempre interessanti, sono le realizzazioni dell’ultimo periodo (1934-40): la statua della Fede, l’epigrafe “Hyeme et arstate” che richiama il senso del “Saluto dell’ospite” e la lapide tesseca.

Altre Proprietà